Workshop gratuito per giovani dai 18 ai 28 anni

Foto di gruppo al workshop presso la nostra sede…. oltre 25 i giovani iscritti decisamente motivati e intraprendenti e desiderosi di mettersi in gioco per realizzarsi dal punto di vista personale e professionale.

Il nostro Club è da sempre impegnato a stimolare la crescita personale e professionale dei giovani contribuendo a rafforzare le loro capacità innate e consentendo loro di agire in modo più efficace all’interno della comunità, e in ambito familiare e professionale.

——

SEI UNO STUDENTE O UN GIOVANE PROFESSIONISTA
DAI 18 AI 28 ANNI ?

VORRESTI RAFFORZARE
LE TUE CAPACITÀ DI LEADERSHIP?

Data del Workshop: Sabato 19 Novembre 2016
Orari: dalle 9,00 alle 18,00
Sede: Presso Rotary Club di Macerata
Via Roma, 362 – Macerata

Scopri gli Obiettivi:Scopri il Programma:
SVILUPPO DELLA LEADERSHIP
Strumenti suggerimenti e tecniche per diventare un leader assertivo.

Docente: Roberta Cesaroni
Profilo Linkedin

L’assertività serve ad esprimere e salvaguardare in ogni situazione di relazione i propri valori, con fermezza e senza aggressività. Poiché l’etica, sistema di valori condivisi, ha un ruolo fondamentale nella gestione dei Rotary club, questo corso proporrà suggerimenti, strumenti e tecniche per rendere più efficienti le attività professionali e di club, stimolando capacità di leadership. Essere un leader asservito, vuol dire far valere i propri diritti, esprimere i propri sentimenti, chiedere ciò che si desidera, esporre i propri punti di vista con integrità, onestà, franchezza e rispetto degli altri. Serve per poter assolvere il compito di organizzare e condividere le informazioni con i soci, i dirigenti di altri club e la comunità. Essere un leader assertivo porta ad avere la capacità di ispirare i soci per stimolare la partecipazione ai progetti e ai programmi rotariani e quindi creare motivazione ed entusiasmo. Il Leader assertivo ha sempre maggiore popolarità perché c’è stato un aumento della libertà individuale, conosce le proprie potenzialità, incoraggia la salute mentale in chi le utilizza. Dalla nostra capacità di capire e di farci capire dipende la serenità della nostra vita sociale, lavorativa e familiare. Il corso fa conoscere gli elementi di funzionamento del processo di comunicazione e permette di essere più consapevoli e quindi, più sensibili ed attenti ai possibili errori che si possono verificare. Ispirandosi a questo principio base, ogni persona può determinare maggiormente il corso della propria esistenza, assumendosi la responsabilità delle proprie scelte e le conseguenze che ne derivano, senza cadere nelle trappole del conformismo imposto dall’ambiente circostante. Non possiamo non comunicare, in altre parole non esiste qualcosa che sia un “non comportamento”, l’attività, l’inattività, le parole o il nostro silenzio hanno tutti valore di messaggio, influenzano gli altri e gli altri, a loro volta non possono non rispondere a queste comunicazioni. In un mondo in costante e forte cambiamento, le organizzazioni necessitano di persone che sappiano guidare con successo persone e attività aziendali con assertività.

MATTINO
• Etica e prova delle quattro domande
• Chi sono, come mi vedo, e cosa voglio
• Quali sono i tuoi valori
• Come gestisci il tuo tempo
• Conoscenza di sé, cura di sé , consapevolezza di sé
• Non comunicare, impossibile
• Comunicazione verbale, non verbale e paraverbale
• Lo sguardo ed il contatto visivo
• Il corpo: postura, gestualità, gestione dello spazio
• I livelli della comunicazione
• La gestione del non verbale e delle emozioni: vale più di mille parole
• Paralinguistica: uso della voce per comunicare
• Prossemica , gestione degli spazi
• Cos’è l’assertività
• Come diventare assertivi
• Come sviluppare fiducia in sé stessi
• La fiducia in se stessi porta alla motivazione
• Come comunichi: sei più emotivo e più razionale

POMERIGGIO
• Tre tipi di comportamento (aggressivo – passivo – assertivo)
• Stili di leadership
• Che leader sei?
• Assumersi responsabilità
• Scambiare critiche costruttive
• Dare e ricevere feedback
• Chiarezza di obiettivi
• Saper ascoltare attivamente – i tre livelli di ascolto
• Come migliorare l’ascolto
• Saper dire di no
• Agire: convocare una riunione con se stessi
• Piano d’azione per correggere “punti di debolezza” individuali e di squadra
• Precisione, concisione, indicazione esatta di cosa si vuole, quando e perché, parole chiare
• Evita parole killer: crea la squadra
• Come accogliere le critiche
• Come muovere critiche costruttive
• Feedback positivo nella squadra
• Obiettivi realistici
• Noi siamo ciò che ripetitivamente facciamo