Visita guidata al museo Palazzo Ricci

IMG_9805

Visita al museo – XI edizione Rotary All’Opera

Visita a Palazzo Ricci
Il Palazzo Ricci Petrocchini è uno dei Palazzi più importanti della provincia di Macerata. I suoi spazi ospitano la prestigiosa raccolta di dipinti e opere dei più noti artisti del Novecento italiano, mentre i meravigliosi sotterranei offrono mostre di alto livello culturale. Il Palazzo venne costruito nella seconda metà del Cinquecento, i restauri realizzati nel 1976 hanno riportato il Palazzo all’antico splendore, recuperando la struttura architettonica, decorativa e ornamentale originaria.
Una delle più grandi collezioni d’arte del ‘900 italiano, oggi di proprietà della Fondazione Cassa di Risparmio della Provincia di Macerata, il Palazzo ospita circa 350 opere tra pittura e scultura dei più significativi artisti italiani del secolo, acquisite in più di venti anni col preciso intento di costituire una collezione che si configura oggi, per qualità e quantità di contenitore e contenuto, come una delle più complete collezioni d’arte contemporanea in Italia. L’idea di avviare una raccolta d’arte italiana del Novecento risale al 1975, anno di acquisto del dipinto futurista Treno in corsa di Ivo Pannaggi. Sviluppatasi con un programma che privilegiava artisti marchigiani quali Scipione, presente con 13 opere che costituiscono una «collezione nella collezione», Licini, Tozzi, Bartolini e Cagli, la raccolta si estende gradualmente ai movimenti ed ai protagonisti della cultura figurativa italiana (appartenenti soprattutto alla Scuola Romana e al Futurismo) che erano entrati in contatto con la ricerca dei Marchigiani. Tra questi Balla, Severini, Depero, Morandi, De Chirico, Guttuso e Pirandello. Il Palazzo è divenuto un autentico unicuum nel panorama del collezionismo italiano.
www.palazzoricci.it